cine qua non | n.2

Posted on 29 December 2009

Ci sono stati anni in cui la televisione italiana per le feste di Natale regalava piacevoli certezze. Una di queste era Operazione Sottoveste. Credo di averlo visto almeno una mezza dozzina di volte, seduta nella poltrona preferita di mio nonno, mentre gli adulti in sala da pranzo passavano i pomeriggi discutendo di Democrazia Cristiana e  Pci.

La storia del sottomarino rosa, che perde colpi nei mari del sud agitati dalla seconda guerra mondiale, è un film che, al di là dei ricordi personali, è capace di donare luce e calore alle fredde giornate natalizie. Ogni personaggio è uno strumento perfettamente accordato, in un ritmo che non perde un colpo. Cary Grant e Tony Curtis sono i protagonisti, diretti da Blake Edwards in un irripetibile contrappunto: il capitano Sherman, serio e integro, e il tenente  Holden, adorabile canaglia. Non si può dimenticare il marinaio Hornsby, l’unico che finisce male: arrostito per il pranzo di Capodanno.


Dal diario di bordo del capitano Sherman: “Avvistata petroliera. Affondato camion.”

There were years when Italian television for Christmas gave pleasing certainties. One of these was Operation Petticoat. I think I saw it at least half a dozen times, sitting in my grandfather’s favorite chair, while adults in the dining room spent their afternoons discussing  about politics.

The story of pink submarine, which falters in the southern seas stirred by the Second World War, is a film that, beyond the personal memories, is capable of giving light and warmth to the cold days of Christmas. Each character is an instrument  perfectly tuned, in a rhythm that doesn’t miss a beat. Cary Grant and Tony Curtis are the protagonists, directed by Blake Edwards in an unrepeatable counterpoint: captain Sherman, serious and upright, and Lt. Holden, lovable rogue. You won’t forget sailor Hornsby, the only one that ends badly: roast for New Year’s dinner.


From the captain Sherman’s logbook: “Sighted tanker. Sank truck.”

What Others Are Saying

  1. Erminio Ottone 10 January 2010 at 16:50

    film grandioso.

  2. Bianca 11 January 2010 at 00:15

    Anghe io sono cresciuta guardando questi film. Ops, la poltrona era la stessa…

  3. Moody 11 January 2010 at 13:08

    @erminioottone il film è grandioso, è vero. ma tu sei un genio.
    @bianca opps…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Real Time Web Analytics